Come ha coinvolto 30.000 persone il progetto ‘Giochiamo d’Anticipo’?

Scopri come l'iniziativa di Groupama Assicurazioni ha sensibilizzato giovani e famiglie sulla prevenzione e la cultura assicurativa in soli sei mesi.

Share your love

  • Il progetto ha coinvolto 370 scuole e 500 classi, raggiungendo oltre 30.000 persone tra docenti, studenti e famiglie.
  • La classe 1°D della scuola Salvatore Quasimodo di Crispano (NA) ha vinto il primo premio con la storia 'Il compleanno di Saverio'.
  • Alle scuole vincitrici sono stati assegnati premi in denaro: 1.800 euro per la prima, 1.300 euro per la seconda e 800 euro per la terza, per l'acquisto di materiale scolastico.

Il progetto “Giochiamo d’Anticipo”, promosso da Groupama Assicurazioni, rappresenta un’iniziativa didattica innovativa volta a sensibilizzare i giovani sui temi della prevenzione e della cultura assicurativa. Lanciato nel novembre 2023 e rivolto alle scuole secondarie di primo grado, il progetto ha coinvolto 370 scuole e 500 classi, per un totale di oltre 30.000 persone tra docenti, studenti e famiglie.

Il nome del percorso didattico, “Giochiamo d’Anticipo”, sottolinea l’obiettivo di fornire strumenti per sensibilizzare attraverso la cultura e la conoscenza, promuovendo una maggiore consapevolezza delle proprie azioni e l’importanza di agire “in anticipo” per prevenire i rischi. Questa iniziativa si inserisce nel contesto dei Global Goals dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile, in cui la generazione di consapevolezza sui rischi e la cultura assicurativa sono priorità rilevanti.

Obiettivi e Struttura del Progetto

Il progetto “Giochiamo d’Anticipo” è stato realizzato in collaborazione con La Fabbrica, un gruppo indipendente multinazionale attivo da 35 anni, leader nell’ideazione e sviluppo di percorsi di comunicazione educativa e formativa per giovani e famiglie. L’iniziativa è stata inserita nell’insegnamento dell’educazione civica e dedicata a docenti, studenti delle scuole secondarie di primo grado e alle loro famiglie, con l’obiettivo di coinvolgere, informare e formare i giovani in un’età cruciale per scelte consapevoli nella quotidianità e nel futuro.

Per supportare i docenti nel percorso, il progetto ha previsto la realizzazione di una Guida Didattica per circoscrivere i concetti di educazione assicurativa e finanziaria, inquadrando il percorso con riferimenti metodologici. Inoltre, è stato messo a disposizione degli studenti un Action Book che proponeva la lettura di sette percorsi narrativi a bivi su temi relativi a “mobilità”, “salute”, “risparmio”, “protezione”, “previdenza” e “lavoro”, attraverso attività di problem solving collegate a situazioni della quotidianità. Per approfondire le tematiche in pratica, il progetto ha previsto anche due webinar formativi e un contest conclusivo.

Il Concorso Finale

Il concorso finale del progetto “Giochiamo d’Anticipo” ha visto la partecipazione di numerose scuole e classi, con l’obiettivo di stimolare il protagonismo degli studenti e incentivare la connessione del tema assicurativo con la quotidianità. Gli studenti sono stati invitati a progettare una storia interattiva secondo le dinamiche del libro game a bivi, ispirandosi agli ambiti di rischio esplorati durante il percorso didattico.

Tra i progetti proposti, tre si sono distinti per originalità e coerenza con quanto appreso, aggiudicandosi i premi finali. La classe 1°D della scuola Salvatore Quasimodo di Crispano (NA) ha vinto il primo premio con la storia “Il compleanno di Saverio”, che enfatizza l’importanza delle scelte ponderate del rischio in un contesto gioioso come una festa di compleanno. La classe 2°D dell’Istituto Mario Zippilli di Teramo ha ottenuto il secondo posto con la storia “Ermenegildo”, che riflette sui rischi e le tentazioni del mondo digitale. Infine, la classe 3°E della scuola F. B. Busoni di Empoli ha conquistato il terzo posto con “L’avventura al campeggio di Leo”, che dimostra come ogni scelta sia frutto di un’adeguata valutazione dei rischi e consapevolezza degli insegnamenti educativi sulla prevenzione.

Alle scuole vincitrici, Groupama ha corrisposto premi in denaro: 1.800 euro per la prima scuola classificata, 1.300 euro per la seconda e 800 euro per la terza, validi per l’acquisto di materiale scolastico.

Impatto e Riflessioni

Il progetto “Giochiamo d’Anticipo” ha avuto un impatto significativo, coinvolgendo oltre 30.000 persone tra docenti, studenti e famiglie in un solo anno scolastico. La prima edizione si è conclusa con successo, dimostrando come un approccio educativo innovativo possa stimolare la consapevolezza e la responsabilità tra i giovani. Pierre Cordier, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Groupama Assicurazioni, ha sottolineato l’importanza di diventare promotori di un linguaggio assicurativo semplice e universale, condiviso con la scuola, per diventare alleati nelle scelte responsabili del presente e del futuro.

Il progetto ha anche ricevuto una menzione speciale per l’elaborato delle classi 3°B e 3°G della scuola di I grado Enrico Fermi di Avezzano (AQ), che hanno sensibilizzato sulla cultura assicurativa attraverso la metodologia innovativa del cooperative learning e declinato i contenuti del kit educativo in modalità CLIL (Content and Language Integrated Learning), favorendo l’acquisizione di contenuti e l’apprendimento della lingua inglese.

Bullet Executive Summary

Il progetto “Giochiamo d’Anticipo” ha dimostrato come l’educazione alla prevenzione e alla cultura assicurativa possa essere integrata efficacemente nel percorso formativo dei giovani. Attraverso un approccio didattico innovativo e coinvolgente, gli studenti hanno potuto esplorare temi complessi in modo semplice e avvincente, sviluppando competenze essenziali per il loro futuro.

Nozione base: L’educazione avanzata, come quella proposta da “Giochiamo d’Anticipo”, mira a fornire agli studenti strumenti pratici per comprendere e gestire i rischi nella vita quotidiana, promuovendo una cultura della prevenzione e della responsabilità.

Nozione avanzata: L’integrazione di metodologie innovative come il cooperative learning e il CLIL nel contesto educativo può potenziare l’acquisizione di competenze trasversali, favorendo un apprendimento più profondo e significativo. Riflettere su come queste metodologie possano essere applicate in altri ambiti educativi può stimolare una maggiore consapevolezza e preparazione per le sfide future.

In conclusione, “Giochiamo d’Anticipo” rappresenta un esempio virtuoso di come l’educazione possa evolversi per rispondere alle esigenze del mondo moderno, preparando i giovani a diventare cittadini attivi e consapevoli.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione
Redazione
Articles: 139

One comment

  1. Mi sembra una bella iniziativa, soprattutto perché aiuta i giovani a capire temi complessi come la prevenzione e la cultura assicurativa. Speriamo che altre scuole seguano l’esempio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *