Come i laboratori estivi di Castiglione della Pescaia aiutano le tartarughe marine?

Scopri come i laboratori estivi di educazione ambientale a Castiglione della Pescaia stanno sensibilizzando i bambini sulla tutela delle tartarughe marine e dell'ambiente costiero.

Share your love

  • Dal 2017, la presenza delle tartarughe Caretta caretta sulle spiagge di Castiglione della Pescaia è aumentata.
  • Il primo nido del 2024 dell'Italia peninsulare è stato scoperto il 1 giugno a Roccamare.
  • I laboratori includono attività come giochi, esperimenti e rappresentazioni teatrali, coinvolgendo bambini dai 4 ai 12 anni.

Il Comune di Castiglione della Pescaia, in collaborazione con l’associazione tartAmare, ha organizzato una serie di laboratori estivi di educazione ambientale, rivolti principalmente ai bambini. Questi laboratori, che si svolgeranno nei mesi di luglio e agosto, mirano a sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza della tutela dell’ambiente marino e delle specie che lo abitano, come la tartaruga Caretta caretta.

Dal 2017, la presenza delle tartarughe Caretta caretta sulle spiagge di Castiglione della Pescaia è diventata un fenomeno sempre più frequente. La sindaca Elena Nappi ha sottolineato come queste tartarughe abbiano scelto le spiagge locali per nidificare, regalando alla comunità nidi in angoli paradisiaci del territorio. Quest’anno, il primo nido del 2024 dell’Italia peninsulare è stato scoperto il 1 giugno a Roccamare dai “tartarughini” di tartAmare.

Le attività proposte nei laboratori, che si terranno presso il Sea Turtle Point della Green Beach di Castiglione della Pescaia e la Casetta Civinini a Punta Ala, includono giochi, esperimenti e attività di biologia ed ecologia marina. Tra le iniziative, vi sono favole e rappresentazioni teatrali che permetteranno ai bambini di imparare la tutela del mare e delle specie viventi, segnalare tracce di nidi di tartaruga, rispettare le dune e l’ecosistema costiero, e adottare buone pratiche per comportarsi da turisti senza danneggiare l’ambiente.

Il Programma dei Laboratori Estivi

Il programma dei laboratori estivi è ricco e variegato, pensato per coinvolgere bambini di diverse fasce d’età. Ecco alcuni degli appuntamenti previsti:

– *Green Beach – Castiglione della Pescaia
– “La balena blu, favola del mare” (per bambini dai 4 ai 6 anni)
– “H2O. La scoperta dell’acqua e delle sue proprietà” (per bambini dai 6 ai 12 anni)
– “Gli eroi della duna” (per bambini dai 6 ai 12 anni)
– “Acquarelli in riva al mare” (per bambini dai 4 ai 10 anni)

Casetta Civinini – Punta Ala
– “Le tracce di mamma tartaruga” (per bambini dai 4 ai 12 anni)
– “Impara a fare i nodi come un vero marinaio” (per bambini dagli 8 ai 12 anni)
– “Un’esplosione di colori e profumi: la bomba di semi!” (per bambini dai 6 ai 10 anni)
– “Pancrazion il re della duna – Giglio di mare” (per bambini dai 6 ai 12 anni)

Le attività sono gratuite e non richiedono prenotazione, offrendo così un’opportunità accessibile a tutti per avvicinarsi al mondo delle tartarughe marine e alla tutela dell’ambiente.

La Tre Giorni di Marevivo per Celebrare la Terra

Parallelamente, Marevivo Sicilia, in collaborazione con Jordan Italia, ha organizzato una tre giorni dedicata all’ambiente per sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza della cura del nostro Pianeta. Gli eventi, che si svolgeranno dal 20 al 22 aprile, interesseranno il territorio del bacino del Fiume Platani e la costa agrigentina.

Il programma prevede un laboratorio di educazione ambientale con video-didattica per le scuole del territorio, affrontando temi come i cambiamenti climatici e l’inquinamento, con una sezione speciale dedicata al rischio di estinzione delle tartarughe marine, in particolare la specie Caretta caretta. La seconda giornata sarà dedicata alla pulizia della spiaggia dello Stazzone nel Comune di Sciacca (AG), un’iniziativa che rientra nella campagna nazionale “Adotta una spiaggia” di Marevivo.

Il 22 aprile, in occasione della Giornata della Terra, si terrà un laboratorio all’aperto durante il quale verranno liberati due esemplari di Caretta caretta, soccorsi e riabilitati dai veterinari dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale A. Mirri di Sicilia e dell’Ospedale Veterinario dell’Università di Messina. La liberazione sarà seguita in diretta web sui canali dell’associazione ambientalista.

Educazione Ambientale nel Parco del Delta del Po

Il Parco del Delta del Po, in Emilia-Romagna, promuove percorsi di educazione e sensibilizzazione ambientale per avvicinare i giovani e la comunità locale all’ambiente e alla fauna marina. Questi percorsi didattici, disponibili per scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, possono essere personalizzati in base alle esigenze delle classi partecipanti.

Le attività proposte includono laboratori ludico-esperienziali, giochi di gruppo, momenti di lettura creativa e narrazioni a tema, oltre a visite guidate alla mostra fotografica permanente “Il mare si mostra”. Tra gli eventi in programma, vi sono laboratori creativi per realizzare animali marini con materiali naturali recuperati in spiaggia e escursioni per scoprire gli uccelli acquatici delle Valli di Comacchio.

Bullet Executive Summary

La tutela dell’ambiente marino e delle specie che lo abitano è un tema di grande rilevanza, soprattutto nell’ottica di formare una generazione di turisti consapevoli e rispettosi dell’ambiente. Le iniziative descritte in questo articolo, dai laboratori estivi di tartAmare ai progetti di Marevivo Sicilia e del Parco del Delta del Po, rappresentano esempi concreti di come l’educazione ambientale possa essere integrata in attività ludiche ed esperienziali, coinvolgendo bambini e famiglie in un percorso di crescita e consapevolezza.

L’educazione avanzata*, in questo contesto, non si limita alla trasmissione di conoscenze teoriche, ma si basa su un approccio pratico e partecipativo, che incoraggia i giovani a diventare protagonisti attivi nella tutela dell’ambiente. Attraverso l’alternanza scuola-lavoro e gli stage curricolari, è possibile offrire esperienze formative che preparano i ragazzi a confrontarsi con le sfide ambientali del futuro, promuovendo uno stile di vita sostenibile e responsabile.

In conclusione, riflettiamo su come possiamo contribuire, nel nostro piccolo, alla salvaguardia del nostro Pianeta. Ogni gesto, per quanto possa sembrare insignificante, può fare la differenza. E ricordiamo che l’educazione ambientale non è solo un dovere, ma un’opportunità per costruire un futuro migliore per le generazioni a venire.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione
Redazione
Articles: 139

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *